Riccardo Pilat | Trump Presidente: gli USA hanno scelto un cambio di percorso
124
post-template-default,single,single-post,postid-124,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Trump Presidente: gli USA hanno scelto un cambio di percorso

Trump Presidente: gli USA hanno scelto un cambio di percorso

Il vento è cambiato e anche l’America ha voltato pagina: Donald Trump è il nuovo Presidente degli USA. Una vittoria improbabile per tanti, impossibile per parecchi, ma certa e decisa per il popolo che oggi ha scelto la sua guida.

Oggi il mondo si sveglia tra esultanze e disperazioni, come le Borse asiatiche, tra speranze di un cambio di rotta e l’incertezza. Donald Trump ieri, il 45esimo presidente oggi, ricomincia la sua strada per far tornar grande l’America: dalla sfida in campo economico a quello migratorio, alla partita internazionale.

Donald Trump nel suo primo discorso davanti ai sostenitori ha ribadito l’importanza di riunire il Paese, di creare sinergie e collaborazioni in modo che il sogno di ogni singolo americano possa divenire nuovamente realtà. Un nuovo percorso che pone alla base un nuovo piano economico e una nuova visione internazionale.

La figura di Hillary Clinton, rimane quella della perenne seconda, prima alla sconfitta alle primarie democratiche del 2008 contro Obama e poi oggi all’indomani delle presidenziali 2016 in cui il popolo americano ha deciso di consegnare il suo destino al candidato repubblicano. Hillary ha pagato le sue politiche di Segretario di Stato, della sua natura interventista, che oggi dopo anni di conflitti viene vista in maniera negativa in confronto ad una posizione isolazionista che garantisce ordine ma non dominio.

Oggi gli USA hanno un loro giocatore per le prossime partite, la Russia pure, al tavolo manca solo l’Europa. Chi potrà portare avanti la guida europea nel nuovo scenario del conservatorismo internazionale? Chi potrà unire i due lati dello stesso tavolo? Nel frattempo in Italia comincia a girare la battuta tra auspici e prospettive “Make Italy Great Again” in vista del 4 dicembre!

Auguri al nuovo Presidente degli USA e God Bless America!

No Comments

Post A Comment